Il mio shopping in riva al mare

Ciao ragazze, oggi vi voglio raccontare del mio week end di shopping! Siete curiose?
Ho trascorso due giorni al mare all’insegna della tintarella ma sabato mi è salita un’irrefrenabile voglia di fare shopping.
Non avevo intenzione di alzarmi dal lettino quindi ho preso il mio smartphone, ho digitato “abiti fashion on-line” su Google e voilà uno dei primi risultati è Manzara.it. Ho deciso di parlarvene perchè ho trovato abbigliamento e accessori super alla moda e carinissimi.
Manzara è uno store on-line di abbigliamento Made in Italy: il punto forte sono i prezzi decisamente economici e competitivi insieme ad una vasta scelta di vestiti e di accessori.

banner manzara (2) (1)

La mia ricerca ha avuto inizio da un paio di scarpe donna, qualcosa che potesse essere abbinato ad un outfit quotidiano, comodo ma anche elegante da poter utilizzare in ufficio.  E ho scelto queste:

 

Questo è una proposta di outfit che ho composto dallo shop on line:

Gironzolando per il “negozio” mi sono innamorata delle borse, ho trovato delle bellissime tracolle, pochette o bauletti, tutti super trendy.

Parlando di tendenze dell’estate quest’anno spopola lo zainetto, colorato, minimal, barocco o più elaborato; anche la Ferragni l’ha indossato in alcuni suoi scatti questa primavera quindi ho optato per questo:

Graficamente lo store è molto semplice e intuitivo, la suddivisione in categorie rende facile la ricerca degli articoli. Troverete una vasta gamma di sandali e scarpe donna adattissime a tutte noi, per outfit casual da sfoggiare nella vostra gita domenicale fuori porta. Manzara non si rivolge ad un target particolare di fashioniste ma ha un catalogo ampio e chiunque può trovare quello che fa al caso suo: la signora può scegliere delle magliette sobrie o la ventenne può fare shopping senza preoccuparsi troppo del budget e acquistare cosine carinissime e di tendenza.

Negli acquisti on line è indispensabile che le condizioni di reso e di trasporto siano buone: la spedizione è gratuita sopra ai 50 euro e la consegna in 1-4 giorni lavorativi mentre il reso è possibile entro 14 giorni.

Spero di esservi stata utile, a presto.

#ladylifestyle

Parliamo di pole dance…e di Elisa

Due parole sulla pole.

La pole dance è una danza acrobatica, una forma d’arte, caratterizzata da evoluzioni con l’utilizzo della pertica.
Prevede una progressione didattica che segue qualunque tipo di livello (base, intermedio o avanzato).
Il Coni l’ha inserita allo stesso livello della ginnastica acrobatica, basti pensare che non esiste una vera e proprio federazione ma sono nate più che altro delle associazioni.

La mia esperienza.

Correva l’anno 2010, per il mio addio al nubilato mi organizzarono una lezione di pole dance tenuta da Elisa Di Chello.
Elisa in quel periodo insegnava solo alcune ore in una piccolissima palestra del centro, all’inizio del BOOM che la pole dance ebbe negli anni successivi.
Dopo qualche anno girovagando su internet ho letto di una scuola www.poledancebologna.it e… SORPRESA: fondata da Elisa!
Mi sono precipitata a provare.
Mi presento in Via dei Fornaciai, 20p. Non sapevo cosa aspettarmi, pensavo di trovare solo sosia di Belen, avevo paura dei giudizi delle
altre ma dopo 10 minuti i dubbi erano passati. Eravamo in una saletta piccolina in fila per l’iscrizione e abbiamo iniziato a chiacchierare tutte insieme.
Dai 16 ai 25 ai 30 anni, donne e ragazze di tutti i tipi: magre, alte, basse, cicciottelle, giovani e meno giovani.

IMG_3380

Perchè iscriversi.

Lasciate da parte tutti i pregiudizi, non insegna a diventare spogliarelliste ma atlete, è uno sport difficile e faticoso…
Le persone vi giudicheranno, con me lo hanno fatto. Nell’immaginario collettivo la pole è ancora associata ai night club e allo striptease: ma perchè non parliamo delle ragazze che in palestra sfoggiano microperizomini e leggings bianchi senza fare un minuto di attività fisica???

Vi giudicheranno perchè non conoscono la fatica, le prime lezioni ero piena di lividi: gambe, braccia, polpacci…dopo una settimana l’avevo capito: il palo non era mio amico ;-))
Per iniziare non servono abilità particolari, non occorre essere ballerine, nè particolarmente avvenenti o fisicamente perfette. Vi do un’ulteriore informazione: le lezioni vengono svolte a luci basse e soffuse.
Bisogna solo aver voglia di divertirsi e imparare nuove cose: dimenticatevi della cellulite, dei peli e dell’altezza, non sono importanti e non interessano a nessuno. Queste sono parole di Elisa, ma ho potuto constatarlo di persona.
Siate solo un pochino “coraggiose” e con la volontà di superare la vostra timidezza, serve solo questo per decidere di iscriversi a una lezione di Elisa…nient’altro.

Chi è Elisa?

staff-1
Elisa

Quando ho deciso di scrivere un articolo sulla pole ho subito pensato di contattare lei. Parlando con Elisa ti colpiscono subito la sua grinta,  la sua passione per lo sport e per la sua scuola “Pole Dance Bologna”. Ha 35 anni ma ne dimostra 25, fisicamente piccolina e tonicissima nonostante le due gravidanze. In quattro parole: UNA FORZA DELLA NATURA.
Elisa si e’ innamorata della pole dance circa 10 anni fa dopo aver visto una performer che “danzava” sul palo, dà li ha decido che la sua strada sarebbe stata questa.
Ha studiato a Londra le basi della pole, fondato la scuola, creato il metodo didattico  e aperto con il suo logo altre scuole su tutto il territorio nazionale. Al momento conta circa 200 iscritti solo a Bologna dai 12 ai 50 anni, con classi miste uomini e donne.
Se non è una ragazza con le “palle” lei allora chi lo è?
Alla Pole Dance Bologna si possono praticare anche discipline aeree con cerchi e tessuti, sexy chair (nata sulla scia del burlesque) e alcune lezioni
propedeutiche di potenziamento muscolare.

gal-5
Il nuovo palo volante – Non fissato a terra

Cosa mi metto?

Vi siete mai chieste come mai le lap dancer sono così scoperte? Esiste un motivo tecnico: per far presa sul palo è indispensabile il contatto con la pelle.
In questo Elisa è stata molto chiara, tutte le prese e le posizioni vengono realizzate nel miglior modo quando si è hanno alcune parti del corpo scoperte: interno coscia, ascelle, braccia.
Elisa ma che abbigliamento consigli?
L’abbigliamento corretto sarebbe culotte e canottiera, ma se scrivo così la metà delle persone non viene. Devo inserire la parola magica “pinocchietto”.
Le ragazze sono restie a spogliarsi soprattutto nelle prime lezioni, poi capiscono e dopo qualche settimana abbandonano il leggings…per fortuna.

Progetto senza titolo

 

Vi lascio i riferimenti di Elisa, per contattarla e sapere se nella vostra zona è presente una delle sue scuole.

Questa è la mia esperienza, fatemi sapere se anche voi avete intenzione di iscrivervi o se avete provato questa disciplina.

#ladylifestyle

#Comedifendersidai30

Ciao club della #quasiquarantenne.
Questo primo articolo è dedicato a voi 29enni che ancora non sapete cosa vi accadrà al compimento del 30esimo anno di età.
Avete presente uno tsunami, l’invasione delle cavallette? O cosa succede a Jess, in New Girl, quando rivede Nick di ritorno da New Orleans?
Ecco questo è niente in confronto a cosa succede ad una donna dopo i 30, 5 anni fa sono stata catapultata nel mirabolante mondo degli enta.

Mondo nel quale improvvisamente, non si sa come mai, tutti ti chiamano Signora.
Vi illustro la scena. Palestra Virgin, armadietto n° 30 (manco a farlo apposta), inserisco la mia borsa dello stipetto e arriva lei:
alta, magra e bionda e massimo 25enne… “Scusi SIGNORA può farmi spazio?”.  Ora pischella va bene tutto, hai un bel culetto lo ammetto e non hai nemmeno la pancetta ma non sei MICA COSI’ GIOVANE NEMMENO TU!!!!!!!!! Se ne hai meno, li dimostri M A L I S S I M O tesoro. Vi lascio immaginare la mia faccia da pesce lesso alla parola SIGNORA…A me….???

Poi arrivano gli esami del sangue…mai avuto un problema, sempre perfetti. Apri la busta e non ce n’è più uno corretto… diventi istantaneamente: anemica, ipotiroidea, colesterolo a mille…nonna Belarda è più in forma di me, ve lo giuro.

Vogliamo parlare dello specchio. Pancetta??? Io ho sempre avuto gli addominali scolpiti con 2 ore di palestra a settimana, cibandomi di formaggio, patatine e CRISBI’….ti guardi allo specchio tipo punto interrogativo e pensi : ma avrò cambiato abitudini alimentari?Sono andata in bagno oggi? Ah no sarà stata sicuramente la pasta che mi ha gonfiato ieri sera, SI SI SI è quello e vai a letto serena.
Poi ti alzi, finalmente vai in bagno, mangi 4 foglie di insalata scondite a pranzo, ma lei è li che ti guarda e ti dice buongiorno.
Ti iscrivi a tutti e dico TUTTI corsi in palestra per migliorare ma nulla…alla fine cominci a parlare con lei, ti ci affezioni come a una sorella e li capisci che sei senza speranza.

Care 29enni so di avervi spaventato un pochino ma state tranquille non sarà per tutte così. Non disperate, le cose poi migliorano….FORSE…..

Mi rivolgo a tutte voi che leggete il mio blog: sono l’unica che ha avuto questo tracollo? Ditemi che non sono stata l’unica. Avete avuto i miei stessi problemi o simili…parliamone ragazze, proviamo a consolarci a vicenda! L’unione fa la forza.

Baci.

#diaridiunaquasiquarantenne

#diariodiunaquasiquarantenne

Benvenuti nel #diariodiunaquasiquarantenne, pagina dedicata a tutte le ’80 che si sentono ancora come il primo di giorno di superiori.

Oggi parliamo di Michela.
Michela ha 35 anni all’anagrafe ma mentalmente non raggiunge i 10 anni di età. Di mestiere programmatrice informatica e da circa 6 mesi scrive su questo
blog, un luogo dove parla di se e delle sue passioni, di tutto quello che le passa per la testa. Ha scoperto tardi la sua passione per la scrittura
e le parole, da bambina era una frana in italiano.
Nel suo profilo instagram @michydada82 trovate la sua vita e un pó di consigli su lifestyle, fitness e beauty.
E’ una quasi quarantenne che si crede ancora una ragazzina ma in fondo che male c’è?
Si fa le foto da bimbaminchia, ride, scherza, fa tardi la sera in palestra, fa tanto sesso, non fa la spesa il sabato pomeriggio e ogni tanto finisce le mutandine dentro al cassetto perchè dimentica di fare la lavatrice ma questo non vuole per forza dire che
non sia una donna responsabile. Ha fatto tutto quello che fanno tutte: casa, famiglia, matrimonio, lavoro ma lo fa a modo suo, alla sua maniera. Ci sono altre cose più importanti nella vita, e queste sono quelle per cui vale la pena vivere.
Questa è Michela.

#diariodiunaquasiquarantenne

La mia location a Milano City – Hotel Principe di Savoia

Ho deciso per questa location perchè l’avevo vista nelle foto di alcune influencer ed ero curiosissima di soggiornarci.
L’occasione del viaggio era la festa di compleanno di mio marito, Alessandro, e ho deciso di organizzargli una sorpresa: cioccolatini, torta, fragole con cioccolata e palloncini da trovare al nostro arrivo in camera.
Ho contattato telefonicamente l’hotel per poter parlare con la Custom Relationship Manager, la Signora Sabrina: gentile , carina e disponbilissima con la quale ho avuto l’occasione di confrontarmi per circa due giorni per realizzare la festa al meglio. Ho soggiornato in altri 5 stelle ma una collaboratrice così solerte, attenta e precisa non l’ho mai trovata.


Arriviamo all’hotel con la nostra ypsilon…praticamente è come se fossimo arrivati in caffettiera a confronto delle auto parcheggiate ;-).
La cosa che mi ha colpito della hall non è il lusso o lo sfarzo, che pure è d’impatto, ma è il profumo che si respira. Profumo di fiori, credo ma non sono riuscita a capire di quale tipo, si sente in tutta la struttura, nelle camere e nei corridoi. La hall è sovrastata da grandi lampadari dorati e da divani in velluto verde scuro frequentati da ospiti per la maggior parte stranieri. Il marmo è protagonista in tutti gli ambienti, marmo bianco e scuro molto elegante. La sua presenza è preponderante nei bagni quasi regali sia al piano terra sia nelle stanze.
Dopo il check-in chiedo di Sabrina che ci accoglie con un dolcissimo sorriso e un elegante tailleur blu, ci accompagna in  stanza…la camera era preparata esattamente come le avevo chiesto anzi, meglio delle mie aspettative. Due palloncini enormi a forma di 4 e 0, una torta alle carote e cioccolato, una serie di cioccolatini di ogni tipo e un piattino di fragole immerse nel cioccolato con noci e mandorle e un secchiello con due flut e una bottiglia di ottimo spumante. Tutto come desideravo e come avevao sperato che fosse.

La camera si affaccia su Milano City Life, il Grattacielo dell’Unicredit con Piazza Gae Aulenti. L’arredamento è in linea con tutta la struttura, le pareti sono color panna e arredate con moltissimi quadri, bagno enorme con marmo bianco, specchi ovunque e una vasca con doccia gigante. Il design è buon compromesso tra lusso moderno e pomposità.
Oltre a Sabrina, anche altri impiegati dell’hotel mi hanno colpito per la loro professionalità ma anche per il loro approccio informale. Il facchino, che ci ha portato i bagagli, ha fatto battute sulla presenza dei palloncini: in effetti mio marito e i suoi 2 metri di altezza contrastano un pò con i palloncini ;-).
L’hotel ha al suo interno un bellissimo ristorante l’Acanto nel quale purtroppo non abbiamo cenato ma nello stesso locale viene servita la colazione. Una signorina che somigliava più a un’hostess che a una cameriera, ci ha accompagnato al nostro tavolo perfettamente apparecchiato e addobbato con una piccola orchidea rosa al centro e l’alzatina in ventro con circa 10 gusti di marmellata diversi.


Durante la colazione mi sono guardata un pò attorno…Lo faccio spesso quando sono negli hotel o nei ristoranti, mi fermo a guardare le persone che mi circondano. Quel sabato mattina nel locale c’erano: un uomo solo che leggeva un giornale francese mentre sorseggiava il suo caffè, una coppia di signori stranieri mano nella mano, una signora sola nel dehor che leggeva un libro e alcuni tavolini più numerosi probabilmente in viaggio di lavoro…io e Alessandro eravamo l’unica coppia giovane, visto il costo dell’hotel penso sia normale. Poi fantastico sulle loro vite, mi piace pensare a chi si cela dietro a questi volti e ai piccoli gesti, spalmare il burro e la marmellata sul pane, versare lo zucchero nel caffèlatte o mangiare cereali, i visi spesso possono raccontare molto più di quello che si pensa. Ho immaginato che la donna sola fosse in città per far visita alla figlia che lavora a Milano come fotomodella. Il signore era sicuramente un diplomatico francese che lavorava nella vicina ambasciata, la coppia di signori ? Semplici turisti per la prima volta in vacanza in Italia dopo essere andati in  pensione. Questo è quello che faccio mentre faccio colazione negli hotel…un pò strano come hobby non trovate?


Tornando alla realtà: il Principe di Savoia è uno dei pochi hotel in cui sono riuscita a farmi servire un cappuccino preparato con latte accadì senza che mi facessero sembrare pazza. Il camriere è stato  gentile illtustrandomi tutti i tipi di latte che hanno a disposizione: avena, riso, soia.
Inutile soffermarmi sulla qualità e la quantità della colazione, volevo parlarvi dei piccoli mobili porta riviste in legno sparsi per tutte le sale, le enormi vetrate che danno sul giardino, i lampadari di cristallo rossi a forma di paralume e le sedie di velluto rosso,tutto elegante ma informale.

L’hotel dispone anche di una piscina e della Spa che purtroppo non siamo riusciti a utilizzare perchè inagibile, potrebbe essere un’ottima scusa per tornare a fargli visita.
Il nostro soggiorno in uno dei migliori hotel di Milano non lo dimenticherò molto facilmente, tutto grazie all’atmosfera che si respira e alle persone che ci lavorano… chissà poi se il signore francese lavora davvero all’ambasciata francese, secondo me si! 😉

 

#ladylifestyle

Guida a come spendere un intero stipendio in un week end

Galleria Vittorio Emanuele, Piazza Duomo, Piazza Gae Aulenti, Brera. Queste le mie mete dello scorso week end per festeggiare i 40 anni di mio marito. Vista l’occasione non ho badato a spese e il mio portafoglio al momento ne risente 😉 ma sono stata contentissima del risultato.

Piccolo aneddoto sulla partenza.
Decido di partire in auto, il treno sarebbe stato troppo scomodo. Sabato mattina chiudiamo le valigie e usciamo di casa ….MA….non troviamo le chiavi dell’auto.
Ho letteralmente messo a soqquadro la casa: cercato nel frigo, nei cassetti, nelle valigie (per paura di averle imbucate insieme ai vestiti),  svuotato due volte la mia borsa e dov’erano??? In una taschina microscopica della mia borsa di Desigual al che uso tutti i giorni… Tipico di Michy. Finalmente dopo un’ora di caccia al tesoro riusciamo a partire.

I ristoranti mi sono stati consigliati da chi Milano la vive e la ama, non volevo finire nei soliti posti fotografati da tutti e di cui tutti parlano.  Ho cercato tre tipi di location diverse dove mangiare  e una spettacolare dove dormire: l’Hotel Principe di Savoia, per il quale DEVO fare un articolo a parte. Qui vi parlerò dei locali che abbiamo frequentato.

OTTO, Via Sarpi

Siamo arrivati a Milano per l’ora di pranzo e ci siamo subito recati alla prima tappa. OTTO, in zona Chinatown. Parcheggiamo la macchina in una via vicinissima, siamo stati fortunati ma tranquilli nella zona sono presenti molti garage a ore. Il locale è perfetto per un lunch  o per una pausa di metà pomeriggio con un caffè e un muffin.

Per il brunch le loro specialità sono i QUADROTTI, quadrati di pane che potete trovare in quattro versioni diverse, accompagnati da contorni e sides per tutti i gusti. Non ho avuto modo di assaggiare la loro proposta per l’aperitivo ma mi rifarò nel mio prossimo viaggio a Milano.

Food
Food

Design delizioso con le sue piante alle pareti, il dehor esterno con i tavolini e il bagno con lo specchio per i selfie.  Grazie alle enormi vetrate è luminosissimo, frequentato da famiglie, giovani e coppie. L’ ambiente informale è ideale per quattro chiacchiere con gli amici o per lavorare al pc sugli enormi tavoloni condivisibili.

Ringrazio moltissimo Sonia Grispo per avermelo consigliato…direttamente da Bali.

CERESIO 7, Via Ceresio, 7

IMG_6086
Ceresio 7

E’ un rooftop, all’ultimo piano del palazzo dell’Enel ora della Dsquared2. Ristorante scenografico e american bar in stile newyorkese che si affacciano sulla nuova skyline di Milano. La lounge si espande su due piscine dove si possono gustare cocktail e finger-food, mentre la zona ristorante si trova sia all’interno sia all’esterno ma risulta più intima rispetto alla zona bar.

E’ arredato con cura in stile vintage anni 30-50, somiglia tantissimo a frequentatissimi locali londinesi.  Il locale si raggiunge in ascensore dal piano terra dopo che una graziosa signorina ti accoglie all’ingresso… il sabato sera all’ascensore c’è la fila!! Ho prenotato la cena qualche settimana prima, fortunatamente perchè avevano ancora pochissimi tavoli disponibili.

3AABAD5D-4A78-4089-B569-7A02426EABF3
Lounge

La cena è stata all’altezza delle aspettative,  abbiamo ordinato il menù degustazione quasi tutto a base di pesce e devo dire che era ottimo. Ho sottolineato quasi tutto perchè il secondo piatto non era ittico ma di carne: un ottimo filetto di agnello. Ho chiesto al cameriere come mai era stato inserito questo piatto, molto gentilmente mi ha risposto che il menù cerca di proporre un pò tutte le tipologie di piatti: crudo, cotto, caldo, freddo e ovviamente anche carne, pesce e verdure. Menù molto equilibrato e leggero.

IMG_6109BB5E8A3B-FF38-4781-BC21-CD3CC3C921AA

In questi mesi ho potuto frequentare altri locali di questo genere, come per esempio all’At.Mosphere Dubai dove la location supera la qualità del cibo ma al Ceresio entrambe sono da 10 e lode. L’unica pecca: forse è la zona ristorante un pò troppo rumorosa.

Questo mi è stato straconsigliato da Nancy una mia amica che abita a Milano da circa 10 anni .

CrudoCotto, Corso Garibaldi 41

La zona di Corso Garibaldi e Brera è molto suggestiva, piena di bistrò e localini  alla moda. Il CrudoCotto si trova tra una gelateria carinissima che fa ghiaccioli e gelati con lo stecco, una chicca, e alcuni negozietti di abbigliamento alla moda. Ci siamo seduti sotto il pergolato e abbiamo optato anche qui per un brunch, disponibile fino alle 16, gustando due ottime insalate con burrata e prosciutto crudo, grandi e ben condite. In accompagnamento ci hanno servito alcuni crostini con burro e marmellata.

 

Il design interno è ben studiato in stile americano, mi è piaciuto molto il  bancone che corre lungo tutto il locale e le affettatrici utilizzate come complementi di arredo, molto originale.  Il CrudoCotto è un format della famiglia Rovagnati, famoso salumificio brianzolo. Mi sarebbe piaciuto poter assaggiare anche altri loro piatti ma il tempo purtroppo è stato poco e ci siamo dovuti accontentare.

Avevo deciso anche di fare una capatina alla Terrazza Aperol che si affaccia in Piazza Duomo ma alla fine ci siamo fermati solo sulle scalinate del Duomo a guardare il tramonto…..comunque molto romantico e sicuramente piu’ economico.

#michylifestyle

 

 

Cos’e’ Booty Barre?

Plié, relevé, prima e seconda…Oggi vi porto a lezione di Booty Barre.
Disciplina nata negli Stati Uniti grazie a Tracey Mallet, fondatrice di the bootybarre, ballerina e istruttrice di fitness di molte celebrità americane e arrivata in italia grazie a Nathalie Ott, titolare della Fitness Barre Studio di Milano, ballarina al Moline Rounge e ora insegnante di Pilates.

Si e’ affacciata nel panorama fitness europeo grazie alla partnership con i Villaggi Fitness Virgine Active, soprattutto in Inghilterra e successivamente diffusasi in molte palestre del vecchio continente. Nel resto del mondo era già una realtà da diversi anni.
La sua prima apparizione in Italia e’ avvenuta al Rimini Wellness nel 2015 con i corsi tenuti da Nathalie e Tracey, in un mix di divertimento e sport senza paragoni. A queste masterclass erano presenti centinaia di persone entusiaste della novità e della presenza delle due istruttrici.

Mi sono avvicinata a questo corso per caso. Un freddo sabato mattina di dicembre mi sono svegliata con l’idea di andare in palestra. Come faccio sempre apro l’app della Virgin per vedere cosa propongono e leggo: BootyBarre ore 10:15. Mi alzo dal caldino del mio lettuccio, preparo la borsa  e sfidando la neve raggiungo il villaggio.
All’inizio della lezione Giulia, l’insegnate, ci dice di preparare manubri, palle, tappetini e ovviamente le sbarre. Non avevo idea di cosa aspettarmi, ero preoccupata che occorresse un backround di danza classica mentre io da ragazzina ho praticato ginnastica artistica ma state tranquille  la disciplina nasce da quel mondo ma gli esercizi sono comunque svolti in maniera diversa.
Ora e’ il mio appuntamento fisso del sabato mattina NON POSSO MANCARE ALLA LEZIONE DI BOOTYBARRE. Da quello che puo’ essere la mia esperienza di questi mesi, la lezione e’ praticata principalmente da ragazze giovani ma e’ rivolta a donne di tutte le eta’,  occorre avere un’ottima preparazione atletica perche’ il corso , se fatto bene, richiede un discreto sforzo fisico pur non essendo aereobico.

 

 

 

 

In cosa consiste la lezione?
La lezione si svolge per la maggior parte del tempo alla sbarra, quella della foto. Bootybarre e’ una perfetta combinazione di danza classica, pilates e yoga e aiuta la flessibilita’ motoria e l’attivita’ cardiovascolare.
L’allenamento dura circa un’ora e comincia con una prima parte di riscaldamento a corpo libero e, con l’utilizzo di pesi di piccole dimensioni, si passa alla tonificazione di spalle e braccia. Alla sbarra con plié, en dehors, relevé e slanci delle gambe in dietro e in avanti.
È adattissima a chi vuole tonificare glutei e gambe in modo divertente ed elegante. Una delle caratteristiche da non sottovalutare di questo corso e’ il divertimento, frequento molti corsi ma questo sicuramente e’ quello piu’ divertente.
Eleganza e grazia sono componenti fondamentali. La parte di lezione alla sbarra è improntata alla grazia tipica delle ballerine. La fase finale e’ dedicata agli addominali, sempre con l’utilizzo della sbarra o a terra.

E per le piu’ fashion…..qual’e’ il giusto abbigliamento?
Non viene richiesto un particolare tipo di abbigliamento, viene svolto a piedi scalzi o in alternativa si possono utilizzare delle comodissime calze con le dita o antiscivolo. Per chi preferisce si puo’ scegliere di utilizzare gli scaldamuscoli.
Assolutamente vietate le scarpe da danza, non e’ una lezione di danza. Per il resto potete sbizzarrirvi a trovare nei vari negozi o store online le magliettine piu’ fashion e carine da sfoggiare durante il vostro BOOTY BARRE.
Di seguito vi lascio un po’ di idee e di link per i vostri acquisti.

Pilates ring
Sbarra per danza
Palla da pilates
KEEP CALM AND DANZA Borsa Borsone
Calzini Antiscivolo

Dove fare BOOTY BARRE?
Come vi spiegavo precedentemente in Europa sono presenti i corsi presso i Villaggi Virgin e in molte altre palestre ma se volete si puo’praticarla anche in casa ricordate solo che la sbarra deve essere alta fino alla vita o una sedia sufficientemente alta.
E ci sono diversi corsi online anche tenuti dalle fondatrici, li ho provati e li consiglio.

Per ora direi che e’ tutto. E’ una disciplina in continua evoluzione vi aggiornero’ nel caso in cui ci sia qualcosa di nuovo. Di seguito trovate anche un  video.

#ladylifestyle

My dreams

Buona sera amici della #ladylifestyle community,
oggi post un pò diverso dal solito. Si parla di “progetti e sogni”.
Il prossimo periodo sarà pieno di impegni e vorrei condividerli con voi. Chi mi segue anche su instagram sa che ho intenzione di iscrivermi, dopo le ferie estive, al corso di Istruttore di Fitness della FIF. E’ una cosa che voglio fare da molti anni ma per un motivo o per l’altro non sono mai riuscita a realizzare, questa volta voglio portarlo a termine e ce la metterò tutta.  Sono sempre stata amante dello sport e questo corso potrà avvicinarmi ancora di più a questa mia passione.

Un altro obbiettivo dei prossimi mesi sarà: tornare in perfetta forma fisica. A causa di alcuni problemi fisici nell’ultimo anno non sono riuscita ad allenarmi come avrei voluto ed è ora di ricominciare.

Un altro progetto importante è il mio blog, nel suo piccolo mi sta dando molte soddisfazioni. E’ uno spazio nato per caso che desidero curare bene e rendere un angolo del www dove potrete trovare consigli e news su ogni argomento.
Sto cominciando a farmi spazio in questo piccolo grande mondo del web, anche se è faticoso, mi sto divertendo e questo è l’importante. Ci sono diversi nuovi articoli e collaborazioni di cui vi parlerò nel prossimo periodo ma ora è prematuro svelare. Ho alcune idee in cantiere e piano piano tenterò di portarle a termine.


Vi terrò aggiornati su tutto anche tramite instagram: https://www.instagram.com/michydada82/

Tra i miei sogni ci sarebbe anche una “piccola” Michy…ma questa è tutta un’altra storia.

A presto
#ladylifestyle

 

Valentina e i suoi social network

Ciao a tutti ragazzi,
questa settimana ho deciso di scrivere una nuova intervista. Ho scelto Valentina e ve la propongo perché personalmente è una delle ragazze che seguo più assiduamente, mi piacciono molto i suoi contenuti, le foto e i video. Ricordatevi sempre che la scelta dei contenuti è fondamentale per la realizzazione di un buon blog o di un buon canale youtube, con seguito e visualizzazioni. Per poter essere seguiti dalle persone occorre entrare in contatto con loro e secondo me Valentina in questo è molto brava.
Processed with VSCO with j1 preset
Valentina

Cominciamo con la sua presentazione.

Ciao sono Valentina, ho 25 anni, ahimè quasi 26  e sono siciliana. Sono appassionata di makeup e moda e mi piace condividere queste passioni attraverso i miei profili social.

A chi vuole intraprendere questa “strada” cosa consiglieresti, di aprire prima il blog o il Vblog su Youtube ? Il tuo blog non è aggiornatissimo, ne sconsigli la creazione?

Penso che questa sia una scelta del tutto personale e che dipende molto dalle proprie predisposizioni. C’è chi riesce a esprimersi meglio con la scrittura e chi parlando a voce. Ovviamente il blog è una scelta “più semplice” per iniziare, perché credo che scrivere sia più facile che parlare davanti ad una fotocamera, soprattutto per chi è più timido e si approccia per la prima volta a questo mondo. In più, se si vuole, il blog può garantire un anonimato, possibilità che ovviamente il canale Youtube non offre. Mi sento di dire che, a meno che questo non sia un lavoro a tempo pieno, è difficile curare e tenere aggiornati entrambi i portali nello stesso modo. Per me non è un lavoro a tempo pieno e per questo ultimamente ho preferito puntare più sul mio nuovo canale, a discapito del blog.

Uno dei tuoi ultimi video parli dei BOT e delle strategie da te utilizzate per crescere e esponi che secondo te è meglio essere seguita da “persone reali”. Quali  sono le strategie che adotti giornalmente?

Quando si entra in questo mondo per passione e per gioco è un po’ fuorviante parlare di strategie. Proprio perché il mio interesse è quello di interessare e rapportarmi con persone reali, l’unica cosa che cerco di fare con costanza è interagire con gli altri utenti. Quindi commentare, scambiare opinioni, consigli o semplicemente chiacchierare. Sia sul mio profilo, che su quello altrui.

Quanto tempo dedichi giornalmente alla gestione dei profili social e in che modo ti organizzi?

Mi trovo un po’ in difficoltà a rispondere a questa domanda, perché non tendo a organizzare la mia attività sui social. Sono sempre con il cellulare in mano, quindi si può dire che li utilizzo costantemente. Per quanto riguarda invece la creazione di contenuti cerco di ritagliarmi, quando posso, 2-3 ore al giorno mentre per i video qualcosina in più.

C’è una influencer in particolare a cui ti ispiri?

No, non c’è una influencer in particolare a cui mi ispiro, ne seguo diverse con piacere, ma non potrei dire di ispirarmi a qualcuna di loro.

Hai qualche app da consigliare per le collaborazioni?

Le uniche app che mi vengono in mente per le collaborazioni sono Octoly e Buzzoole. Ma non le utilizzo quasi mai perché preferisco rapportarmi direttamente con le aziende.

Quali difficiltà hai riscontrato nell’intraprendere questa strada?

Le difficoltà sono le stesse che si riscontrano in qualsiasi ambito della vita reale: trovarsi davanti i soliti furbetti che preferiscono prendere delle scorciatoie per raggiungere i loro fini, rendersi conto che la meritocrazia va scomparendo sempre di più.

Hai qualche consiglio da dare a chi inizia ora?

Il consiglio che do a chiunque me lo chieda è sempre lo stesso: iniziate soltanto se davvero è una cosa che vi piace fare e fatelo sempre con passione, concentrandovi su questo e non sugli scopi finali. Ricordate sempre che si tratta di un mondo in cui sono fondamentali i rapporti interpersonali e la fiducia che ispirate negli altri. Come nella vita reale, la fiducia va conquistata e non pretesa e, soprattutto, mai data per scontata.

 

I SUOI SOCIAL MEDIA


Link blog: www.valetinadelsette.com
Instagram: https://www.instagram.com/valentinadelsette/
Youtube: https://www.youtube.com/channel/UC0snVHtYp0VN7oB8b5MWX_g

 

Processed with VSCO with hb2 preset
Valentina a primavera

Food e fashion BIO a Bologna

Ciao a tutti e benvenuta primavera!

Io e il  mio ciliegio in fiore vi salutiamo, quest’anno aspettavo con impazienza la bella stagione.
Oggi vi voglio parlare di una nuova tendenza che sta prendendo piede: il biologico. I negozi biologici e i prodotti nei supermenrcati sono diffusi già da tempo ma voglio porre l’attenzione sul bio declinato in ogni sua forma: cibo, moda e cosmetici. La nascita di nuovi locali “super fashion”, boutique bio e negozietti per il makeup sostenibile mi ha dato l’idea per scrivere l’articolo. Ho deciso di parlarvi di una boutique ecosostenibile Eticlò e di un locale green Bio’s Kitchen.

Che cos’è Bio’s Kitchen?

Il primo locale nasce nell’entroterra di Rimini e a Bologna hanno scelto Via Galliera n.11 come indirizzo. Le prime cose che colpiscono sono il soffitto altissimo, luminosissimo e un forte odore di legno, non so se sia voluto ma l’effetto mi è piaciuto moltissimo.

Le particolarità culinarie sono le materie prime coltivate o allevate senza pesticidi, ogm, ormoni e conservanti. La porposta varia: il pranzo è a buffet, mentre la cena è alla carta per vivere un’esperienza differente. Ho preferito la sera perchè non sono una grande amante dei buffett, rischio di mangiare troppo ;-)))))
Il menù si basa sulla  dieta sequenziale, proponendo a inizio pasto gli estratti di frutta e verdura, tutti coloratissimi. Ho scelto l’estratto di succo basic con carota, mela e finocchio come purificante servito in un classico bicchierino. Gli antipasti sono tutti a base di verdura e decido di ordinare la cupola di foglie, molto scenografica, composta da lattuga che avvolge cavolo cappuccio e finocchio condita con una maionese Veg e alga nori tostata. La maionese era molto particolare migliore di quella che ho assaggiato in altri locali e la porzione era enorme, non sono riuscita a finirla.

State attenti a non confondervi non è un ristorante vegetariano ma biologico nel menù sono presenti anche carne e pesce. Amando moltissimo il pesce ho ordinato i sardoncini al forno con cipolla rossa marinata, l’accorstamento mi è sembrato ottimo e anche questa era una super porzione. Propongono anche la pizza con grani antichi e la ormai diffusissima pizza al kamut.

I ragazzi sono tutti gentili e disponibili mi hanno aiutato a fare qualche foto per il blog, la location è molto carina non potevo non farle. I tavoli sono dotati di prese USB per ricarichare il cellulare, finalmente era ORA!!
La cena è stata buona e piacevolissima, il locale è frequentato soprattutto da donne, da persone giovani e la proposta biologica al 100% secondo me è vincente.

Che cos’è Eticlò?

Grazie ad alcune amiche sono venuta a conoscenza dell’apertura di questo shop e mi sono recata all’inaugurazione del loro primo store a Bologna in Via Clavature, 22.
Eticlò: è il connubio tra “ethical” e “closet”.

Il brand offre una collezione completa di capi di abbigliamento e accessori realizzati secondo alti standard di qualità e di sostenibilità ambientale e sociale.
La forza di questo progetto di moda è il tentativo di creare l’intera collezione a basso impatto inquinante, attraverso l’utilizzo di fibre naturali di origine biologica, colori ecologici conformi agli standard GOTS e di una filiera responsabile. Eticlò è un progetto di moda sostenibile che riesce però a risulta elegante e raffinato e allo stesso tempo durevole nei materiali utilizzati.


La collezione è essenziale con il suo cotone 100% e le sue sete pure, con i suoi colori caldi ma senza l’utilizzo di metalli o sostanze dannose per la salute o l’ambiente. Spiccano per eleganza le chemisier in cotone e gli abiti blu nottte in pura seta. Per un abbigliamento più semplice le t-shirt ricamate ma non per questo meno appariscenti.
Il pezzo forte è sicuramente la lingerie molto particolare e sexy che ho trovato adattissima ad acquirenti giovani ma anche a donne più adulte che si vogliono sentire comode anche tra le coperte. Tutta in pura seta, con colori antratice o rosa chiaro.

Contemporaneamente all’apertura dello store è stato lanciato anche lo store online con spedizioni in tutta europa con reso gratuito.


Queste sono le ultime novità presenti a Bologna per quanto riguarda il mondo del biologico!
A presto.

#ladylifestyle